Le cinque regole della retorica

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
La retorica, ossia l’arte del ragionare a cui Aristotele attribuiva la “facoltà di scoprire in ogni argomento ciò che è in grado di persuadere”, deve oggi essere adattata al mondo digitale, alle sue leggi, ai suoi ambienti e alle sue convenzioni.
Per rispondere in modo sistematico a questa esigenza, è utile riprendere l’articolazione del discorso retorico come lo intendeva Cicerone, e adattare questo canone – IL canone classico – all’universo digitale.
Contrariamente ai tre rami della retorica , che coprono tre ampi ambiti in cui comunichiamo, i cinque canoni della retorica servono come processo per mostrare come la retorica, in quanto arte, può essere utilizzata per sviluppare un messaggio efficace.
Mentre i cinque canoni della retorica erano stati originariamente concepiti da Aristotele come un modo per sviluppare e preparare i discorsi pubblici, i canoni sono stati oggi identificati come un modo contemporaneo di pensare in modo più creativo e di creare comunicazioni in qualsiasi canale, dai discorsi ai curriculum formali rapporti.
Nella retorica classica , i canoni retorici (come definiti da Cicerone e dall’anonimo autore del testo latino del I secolo Rhetorica ad Herennium ) sono i cinque uffici o divisioni sovrapposte del processo retorico:
1. inventio (greco, heuresis ), invenzione
2. dispositio (greco, taxi ), arrangiamento
3. elocutio (greco, lexis ), 4. memoria (greco, mneme ), memoria
5. actio (greco, ipocrisis ), consegna

Dai un’occhiata a questo SCHEMA dei cinque canoni della retorica.

CHE COS’È L’INVENZIONE (INVENTIO)?

“Invenzione” significa avere una buona idea o avere qualcosa di utile da dire al tuo pubblico.  La parola “invenzione” in inglese deriva in realtà dal termine latino “invenire”, che, approssimativamente tradotto, significa “trovare”. Quando sei nella fase dell’invenzione, stai considerando ciò che il tuo pubblico ha bisogno di sapere e perché lo deve sapere. Simile al fascino dei loghi, l’invenzione considera il “cosa” ha da dire un comunicatore. Quando pensi al tuo argomento e a ciò che conta di più per il tuo pubblico, potresti considerare i diversi modi in cui il tuo argomento può essere affrontato (li chiamiamo “topoi” o argomenti comuni). Gli argomenti comuni includono quanto segue:
Definizione (descrivi al tuo pubblico attraverso definizioni e classificazioni)
Divisione (separare l’argomento nelle sue parti o nella sua interezza, o suddividerlo in argomenti)
Confronto (mostrando somiglianze e differenze del tuo argomento con quello di un altro o mostrando il grado in cui il tuo argomento fa o non fa qualcosa)
Relazione (descrivere cose come causa ed effetto, antecedente e conseguenza, contrari e contraddizioni)
Circostanze (determinare cosa potrebbe essere possibile o impossibile in base al tuo argomento o cosa il passato potrebbe avere da dire sul futuro)
Testimonianza (usando altri resoconti per descrivere il tuo argomento, considerando cose come resoconti di testimoni oculari, spiegazioni di figure autoritarie, voci, giuramenti, documenti, leggi, considerazioni soprannaturali, precedenti e così via)
Notazione e coniugati (affrontare il tuo argomento in termini di lingua e la sua relazione con la lingua)

CHE COS’È L’ARRANGIAMENTO (ARRAY)?

Quando parliamo di arrangiamento in retorica, ci riferiamo a come una comunicazione è costruita o organizzata.
Quando scrivi, dici o progetti qualcosa, fai delle scelte su dove e quando le cose appaiono in un documento. Considera dove organizzare parole, frasi, paragrafi e sezioni.
Prendi decisioni strategiche su cosa viene prima, cosa finisce per ultimo, dove sono i punti chiave di enfasi e così via. L’arrangiamento è molto simile alla narrazione. Come puoi impostare la tua comunicazione in modo che qualcuno possa capire le persone chiave, i problemi chiave, le soluzioni chiave e la serie chiave di eventi e luoghi che contano?
Esistono molti modi (infiniti, in effetti) per organizzare i documenti, ma molti discorsi, rapporti e piattaforme di comunicazione comuni seguono stili di disposizione simili.
Una proposta, ad esempio, inizierà spesso con un’introduzione; fornire una dichiarazione del problema; fornire ricerche, prove o fatti che supportano la tesi; mostrare i risultati della ricerca; e offrire un’idea proposta.
A seconda del tuo pezzo di comunicazione, considera se ci sono convenzioni o paradigmi che dovresti seguire. Quindi modifica strategicamente dove necessario per dare un’enfasi adeguata.
 

COS’È LO STILE (ELOCUTIO)?

Lo stile è la parte divertente e artistica della comunicazione. Quando parliamo di stile nella retorica, ci riferiamo alle scelte che fai per avere un impatto sul pubblico. Quali parole sceglierai? Quali frasi e storie racconterai? Quale sarà il tuo ritmo? Utilizzerai figure retoriche  o altri dispositivi linguistici per migliorare la comprensione e l’attrattiva? Lo stile è solitamente allineato con il pathos retorico dell’appello perché lo stile spesso influenzerà le emozioni e le reazioni del tuo pubblico.

COS’È LA MEMORIA (MEMORIA)?

La memoria, quando originariamente concepita come uno dei cinque canoni, faceva riferimento alla memorizzazione di un discorso. Si credeva che i buoni oratori avrebbero memorizzato il loro discorso così bene da poterlo pronunciare senza esitazione. La memoria richiedeva agli oratori di sviluppare dispositivi mnemonici per aiutarli a ricordare cosa avrebbero detto dopo. Tuttavia, la memoria è molto più della memorizzazione e, infatti, per la maggior parte dei discorsi di oggi, memorizzare un discorso di solito non è considerata una buona idea. Quando ci riferiamo alla memoria in retorica, intendiamo che un oratore o un comunicatore dovrebbe sapere quanto più possibile su un argomento prima di presentare in modo che, se si presentasse l’occasione per improvvisare o rispondere a domande, conoscessi l’argomento così bene da poter rispondere con precisione e professionalità.  

CHE COS’È LA CONSEGNA (PRONUNTIATO)?

Come si può dedurre dalla definizione greca di consegna, “pronuntiatio”, la consegna riguarda, in parte, la pronuncia. Come concetto più ampio di presentazione delle informazioni, la consegna riguarda il modo in cui si pronuncia un discorso o si presenta un pezzo di comunicazione. Quindi, nel discorso, la consegna riguarda il contatto visivo, la postura, la professionalità, il modo in cui ti vesti, la sicurezza, il linguaggio del corpo e così via. Ma la consegna può essere applicata a qualsiasi pezzo di comunicazione. La consegna del tuo curriculum, ad esempio, potrebbe essere vista dalla carta che scegli, dalla qualità del lavoro di stampa e persino dal modo in cui lo pieghi o lo consegni quando lo dai a un datore di lavoro.
Continua a seguirci per scoprire come applicare queste 5 regole della retorica all’era digitale.

Continua ad esplorare

Per cominciare, indicaci ciò di cui hai bisogno per realizzare il tuo progetto.

Ora inserisci ulteriori informazioni per definire il tuo progetto.